L’editoriale

Nel turbinoso e vorticante mondo del food, milanese e non solo, si moltiplicano gli eventi le idee le iniziative le aperture le chiusure le degustazioni le inaugurazioni – un’intiera generazione di foodblogger scrittori cronisti giornalisti protagonisti degustatori assaggiatori presentatori si affanna a rincorrere tutto, correndo il serio rischio di soccombere, travolta da una forma di Parmigiano rotolante, accoppata da una coppa suina, avvelenata da un elisir, intossicata da troppe tisane detox…

Personalmente, sopravvivo a stento. Le tre pizze preparatemi da Gino Gennaro e Salvo Sorbillo – no, Gino Sorbillo e Salvo Gennaro, ormai sto perdendo anche il controllo della tastiera del computer – che mi sono mangiato da Lievito Madre al Duomo ieri sera, apertura della pizzeria, hanno dato il colpo di grazia a un organismo già duramente provato (in ordine sparso) da:

– una cena da Casa e Putia con la mia amica Fausta: prodotti rigorosamente siciliani, ottima qualità, poche preparazioni semplici, non menù da ristorante ma piatti sfiziosi, simpatico e “casalingo” (nel senso di socialità, di amichevolezza)

Quack, un posticino carino in Santa Maria Beltrade dove si mangia tutta l’oca (a parte forse il becco)

Orobianco: dopo aver deprecato l’assenza di segnalazioni sulla chiusura estiva, ho provato ed apprezzato questo mozzarellificio-con-cucina

– una cena vegetariana al MO.OM, hotel moolto carino a Olgiate Olona: “Sapori verdi a tavola”, con lo chef del MO.OM Hotel Giorgio Perin e Fabrizio Albini, chef del Resort I Cappuccini di Franciacorta: ve la racconterò

– la piadineria Amarcord: me l’hanno appena aperta in via Losanna, qui dietro l’ufficio…

– la visione di un nuovo Panino Giusto, in via Borgogna; sostituisce in un certo senso quello in piazza Diaz, che ha chiuso già da tempo

– registriamo anche un’altra nuova apertura, un nuovoo Smøøshi in via Vigevano

– no, non sono andato a Palazzo Reale alla cena dei capi di Stato ieri sera, subito dopo Sorbillo: non volevo rovinarmi la bocca…

 

 

BlogVs in foto

 2c4d2c51-1a19-45c5-8492-4c6dcc52070d

7ad0ceef-4041-4b77-ab58-acf32e81025a

a2522838-9636-490e-a602-8075d67562f5

3c49f5f6-e464-4063-b70b-866acef292dc

11a515c0-3436-4631-b08d-8659f013a7db

289fc88d-7648-4dfe-8aa5-01b0ee62b821

6ad742c9-7a20-4ca4-8bf3-a832a8bbd593